.....the ordinary life is pretty complicated stuff.....

12 luglio 2007

Demo...cràcia!


Di seguito,copiaincollando, dal blog "Vulcani" (http://blog.libero.it/terzarepubblica) vi propongo l'ennesimo caso di quella libertà che esiste nel nostro amatissimo Paese, libertà di stampa, libertà di poter apertamente criticare le istituzioni in maniera democratica, libertà quindi di poter lavorare per pagare gli avvocati che ci difenderanno se vogliamo esprimere la nostra libertà. Ma non tutti abbiamo raccolto il messaggio che il "profeta" Corrado Guzzanti ci lanciava alcuni anni fa : "Nella casa delle libertà, famo un po' che ca..o ce pare....." !
"Il blog di Piero Ricca bloccato su querela di Emilio Fede.
di Piero Ricca.
Emilio Fede mi ha querelato e la finanza ha cambiato le chiavi di accesso al mio blog, impedendomi di pubblicare nuovi articoli. Il blog mi è stato chiuso su richiesta del pubblico ministero romano Giuseppe Saieva, con atto del gip Cecilia Demma. Il "sequestro preventivo" mi è stato notificato alle 14,00 di oggi 10 luglio da due agenti del "nucleo speciale contro le frodi telematiche" della guardia di finanza, venuti appositamente dalla capitale. Il sequestro proviene da una querela per diffamazione presentata da Emilio Fede nei miei confronti per la contestazione al circolo della stampa di Milano del 16 aprile 2007. In esecuzione del medesimo provvedimento è stato cancellato dal blog un mio articolo relativo alla vicenda Fede e i commenti a margine dei lettori. Per motivi tecnici non è stato possibile, come pure era stato richiesto dall'autorità giudiziaria, togliere il video da youtube. Non si è arrivati all'oscuramento totale del blog, che pure era stato prospettato nel decreto di sequestro preventivo, solo perché gli agenti della finanza hanno adottato la soluzione di modificare la mia password di amministratore di www.pieroricca.org, previa missione mattutina a Sarzana (La Spezia), sede legale della società di gestione del blog. Naturalmente farò immediata richiesta di dissequestro. E mi riservo di querelare a mia volta il signor Fede. Ricordo infatti che la contestazione ebbe come antefatto una mia domanda (sul caso Europa 7 e le frequenze abusivamente occupate da Rete 4), alla quale il direttore del tg4 rispose dandomi dell' "imbecille". Per non parlare dello sputo che mi indirizzò nell'androne del circolo della stampa, come testimonia il video reperibile all'indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=5KbGNQwO7es
Con il querelante ci confronteremo dunque in tribunale, magari davanti a qualcuno dei magistrati diffamati e spiati negli anni del governo del suo adorato datore di lavoro. Sarò lieto di farmi processare un'altra volta per aver espresso opinioni condivise dalle persone che stimo. Nel frattempo non smetterò di interpellare e criticare i personaggi pubblici che non stimo, esercitando il mio diritto-dovere di dissenso. Nessuno riuscirà a sequestrare la libertà di espressione, mia e degli amici del gruppo Qui Milano Libera e del blog: questo è certo.
Ringrazio fin d'ora chi vorrà far circolare questo comunicato.
Piero Ricca
L'ultimo commento che mi sorge è la speranza che il succitato trovi a confrontarsi con qualcuna delle cosiddette "toghe rosse" di cui qualcuno va continuamente parlando, a patto che veramente esistano.....

Nessun commento: